Escursioni

La Guesthouse Milli Vina è in Hvítárbakki.
Hvítárbakki è una fattoria in un ambiente bellissimo vicino al fiume Hvítá e la città più vicina è Borganes.

Nella parte occidentale dell’Islanda si possono trovare molti luoghi interessanti e sorprendenti:

Deildartunguhver – La zona geotermica è a 16 km. Nr Road. 50.
Qui c’è una sorgente di acqua calda che, con una portata di 180 litri /sec. e una temperatura di 97° C, è la maggiore in Europa. Parte dell’acqua viene utilizzata per il teleriscaldamento, con una conduttura di 34 km in direzione Borgarnes e di 64 km in direzione Akranes (è la più lunga in Islanda e l’acqua è di circa 78-80° C quando raggiunge Akranes).

La storica località di Reykholt e Snorralaug – 20 km di distanza. Nr Road. 518.
E’ uno dei più importanti siti storici di tutta l’Islanda, dove per molti anni c’era una delle scuole più importanti del paese. Reykholt è più famoso per essere il luogo dove visse l’autore più noto d’Islanda Snorri Sturluson negli anni dal 1206 al 1241. Egli era anche un leader politico e uno degli uomini più ricchi in Islanda nell’era dei Sturlungar. Snorri fu l’autore del Heimskringla, la storia dei re di Norvegia e di Edda in prosa, una fonte inestimabile di informazioni sulla mitologia e la poesia nordica. Un’antica piscina geotermicamente riscaldata, Snorralaug, porta il suo nome. Essa è una delle poche cose conservate integre del periodo medievale islandese. Snorrasofa è un centro culturale e ha un istituto per la ricerca in studi medievali. Offre mostre storiche, visite guidate e letture in tema. Recital di musica si svolgono nella chiesa di Reykholt.

Hraunfossar e Barnafoss – 37 km di distanza. Nr Road. 518
Le cascate Hraunfossar e Barnafoss sono meravigliosi e insoliti fenomeni naturali. Un gran numero di viaggiatori considerano una tappa obbligata visitare questi tesori naturali.
Le cascate di Hraunfossar sono incredibili: sorgenti limpide e fredde acque sotterranee filtrano attraverso la lava e scendono come piccole cascate generando sorprendenti rapide nel fiume Hvítá.
Le cascate di Barnafoss sono andate evolvendo nel tempo. Il fiume scendendo ha scavando un profondo e stretto burrone creando un suggestivo arco in pietra che collega i distretti di Hálsasveit e Hvítársíða.
Le cascate di Hraunfossar sono considerate protette dal 1987.
C’è un ampio punto di vista panoramico che offre una splendida vista sul Lava Falls e il fiume Hvítá. Un parcheggio con coffee shop aperto durante i mesi estivi.

Cave e penisola di Snæfellsnes

Baula – la montagna Baula e il cratere Grabrok – 40 km di distanza. Nr.1 Strada
La montagna Baula, con il suo colore rossastro o arancione dovuto alla sua composizione di roccia riolite, si trova nella parte occidentale dell’Islanda vicino alla Road nr. 1. L’università di Bifröst e i pittoreschi crateri di Grabrok si trovano nelle vicinanze.
Geologicamente, la montagna è classificata come un’”intrusione” (o, in termini di geologia, un “batholith”, cioè una massa di roccia che è stata spinta verso l’alto dalla profondità della terra alla superficie).
Baula è caratterizzata da un cono quasi perfetto e dalla sua “sorellina” nelle vicinanze, il Litla-Baula, dove si trovano rari filoni colonnari di riolite. Insieme, Baula e Litla-Baula sono stati spesso descritti come la coppia più bella delle montagne dell’Islanda.

La cava Viðgelmir – 50 km – Via nr. 518
Víðgelmir è un tubo di lava situata nel campo lavico Hallmundarhraun in Fljótstunga. Il tetto del tubo di lava è crollato, creando due grandi aperture vicino all’estremità nord, che sono gli unici ingressi conosciuti. Víðgelmir è lunga 1.585mt e la parte più grande del passaggio della grotta è alto 15,8mt e larga 16,5mt, che la rende di gran lunga la più grande del suo genere in Islanda. La grotta ha un ampio ingresso, ma si restringe verso il basso in alcuni punti. Questa grotta contiene splendide sculture di ghiaccio naturale così come stalattiti e stalagmiti. Un cancello di ferro è stato installato nel 1991 per preservare le delicate formazioni laviche. L’accesso e le visite guidate sono disponibili nella vicina Fljótstunga. Prove di insediamenti umani, probabilmente risalenti all’era vichinga, sono state scoperte nella grotta e sono conservate nel Museo Nazionale d’Islanda.
La maggior parte delle bellissime stalattiti e formazioni di lava sono state rotte e danneggiate: questa è la ragione per cui la grotta è chiusa e non è aperta al pubblico senza l’accompagnamento di qualcuno della fattoria.
La grotta è aperta al pubblico per i primi 70mt. È stato dichiarato un sito protetto nel 1991.

La cava Surtshellir – distanza 57 km – Sulla strada di montagna nr. F578
Surtshellir è una caverna lavica di circa un miglio di lunghezza; essa è la più lunga grotta nel suo genere della zona. Essendo di origine vulcanica, le pareti interne sono costituite da strati vetrificati di magma e basalto. Il tetto della grotta è di circa 10 metri di altezza nel punto più alto e le gallerie sono circa 15 mt nella loro massima larghezza. Il pavimento è ricoperto da un rivestimento continuo di ghiaccio e frammenti di lava solidificata. L’altezza del tetto è molto variabile in tutta la grotta e alle estremità è di solo 2-4 mt.
Nel X secolo, la grotta ed i passaggi che conducono fuori dalla caverna principale sono stati utilizzati come nascondigli per i reietti e i banditi che volevano rubare il bestiame ai contadini e ai pastori che vivevano nella zona. La prova della loro esistenza è stata trovata in forma di ossa di pecora e di buoi di cui loro si erano nutriti; uno degli stessi tunnel era anche stato dotato di una porta.

Non possiamo dimenticare di suggerire la penisola di Snæfellsnes, situata ad ovest di Borgarfjörður.
Essa è stata nominata l’Islanda in miniatura, perché puoi trovare molti siti nazionali nella zona, tra cui il vulcano Snæfellsjökull, considerato come uno dei simboli d’Islanda. Con la sua altezza di 1.446 metri è la montagna più alta della penisola ed ha un ghiacciaio al suo apice. Il vulcano si può vedere nelle giornate limpide da Reykjavík, da una distanza di circa 120 km. La montagna è anche conosciuta perché luogo chiave nel romanzo “Viaggio al centro della Terra” di Jules Verne. La zona circostante Snæfellsjökull è stata designata una dei quattro parchi nazionali dal governo islandese.

Sentieri escursionistici

Luogo incantevole e suggestivo è Arnastapi con il suo sentiero escursionistico attraverso la lava e lungo la spiaggia. Lungo la costa ci sono alcune formazioni rocciose uniche e paesaggi quasi irreali. Continuando puoi fermarti in Búðir ​, un piccolo borgo nei campi di lava Búðahraun in Staðarsveit, e nei pressi di una meravigliosa e particolare montagna: Kirkjufell con i suoi colori e la sua simmetria uniche in ogni stagione.

Piscine
In Islanda l’utilizzo di piscine all’aperto è un’esperienza unica, in particolare quando le temperature esterne sono un paio di gradi sotto lo zero.

Húsafell
Questa piscina è una delle strutture ricreative più popolari della zona. E’ stata originariamente costruita nel 1965, ma nel tempo sia la piscina che i suoi dintorni hanno subito numerosi miglioramenti. Durante l’estate è aperto ogni giorno. Durante l’inverno è aperta solo nel fine settimana. Rimane chiusa nel mese di dicembre e gennaio.

Borganes
Il centro sportivo dispone di una piscina di 25m x 12,5m all’aperto, 3 scivoli d’acqua, una piscina per bambini, 2 vasche idromassaggio, una delle quali con un rigenerante flusso d’acqua per il massaggio, una piscina coperta di 12,5m x 8m, un bagno turco direttamente dalla sorgente di Deildartunguhver, una sauna e alcune panchine per godersi il sole.
Aperta tutto l’anno.

Appena fuori Borgarnes c’è uno dei più bei campi da golf d’Islanda.
C’è anche un campo da golf in Húsafell.
Fai il tuo viaggio in questa meravigliosa parte dell’Islanda: ci molti sentieri escursionistici e paesaggistici.

Per coloro che preferiscono percorsi più impegnativi ci sono escursioni sul ghiacciaio Langjokull e Snaefellsjokull in certi periodi dell’anno.